discipline tianqi top

CIRCOTONDO

Corso di Arti Circensi per bambini e bambine da 4 a 13 anni

Il corso di Arti Circensi del Centro Tian Qi accoglie bambini e bambine dai 4 ai 13 anni. In un ambiente sicuro e confortevole i nostri bambini potranno imparare le discipline del circo:

  • Giocoleria, importante per la concentrazione, la coordinazione, la manualità, la velocità, la precisione, il senso del ritmo
  • Acrobatica, rinforza la struttura corporea, il tono muscolare e stimola la vitalità
  • Equilibrismo, sviluppa la concentrazione, migliora la postura, regala una sensazione di coraggio e fiducia in sé stessi
  • Clownerie, permette di esprimere la propria fantasia, la creatività, permette di affrontare le difficoltà mantenendo leggerezza e avendo la capacità di sdrammatizzare quando qualcosa non funziona.

Le Arti Circensi, per le innumerevoli possibilità di gioco che comprendono, sono adatte a tutti i bambini e sviluppano qualità sia corporee che intellettive, come coordinazione, manualità, equilibrio, senso del ritmo, memoria, espressività, creatività, stimolando anche importanti aspetti della personalità come l’autostima, la capacità di relazionarsi con gli altri e la risoluzione creativa dei problemi.

Le lezioni di Arti Circensi si svolgono in un clima sereno, giocoso e non competitivo.

CIRCOTONDO, il corso di Arti Circensi del Centro Tian Qi, nasce da un’idea di Valentina Sordo, operatrice di arti circensi diplomata presso la scuola diretta da Sigrid Federspiel, il Circomix.

Arti Circensi CUT SMALL

Nelle Arti Circensi il ruolo del movimento è primario, gli attrezzi stimolano il corpo a sviluppare destrezza e coordinazione. Nello stesso tempo permettono al bambino di esprimersi in modo gioioso e poetico, di sviluppare il senso del gioco e quindi della scoperta di sé, di imparare a condividere le proprie emozioni e a confrontarsi con gli altri.

Il clima è sereno e non competitivo, usiamo il metodo della pedagogia attiva, in cui viene stimolata l'autonomia dei bambini nell'apprendimento delle tecniche. Non solo esercizi proposti dal maestro ma anche scelti con gli allievi, lasciando che sia il desiderio di imparare a guidare l'apprendimento.

Nelle Arti Circensi partiamo dal rispetto per il bambino, cercando di stimolare senza imporre. Giocare con il proprio corpo è un’esperienza spontanea e profonda che viene dal desiderio di scoprire.

Durante le lezioni i bambini imparano a giocare con i fazzoletti, i cerchi, le palline e le clave, imparano a fare equilibrismo sul rullo, sulla trave d’equilibrio, ad usare il pedalò e il rolla bolla, imparano a fare capriole, ruote, verticali sulla testa, piramidi e figure di acrobatica in coppia. Imparano a ridere di sé e far ridere gli altri attraverso il gioco del clown.

Il divertimento e la magia delle Arti Circensi si uniscono all'acquisizione di abilità che richiedono attenzione, ascolto e concentrazione.

Le lezioni si organizzano a seconda dell’età del bambino.

Si parte dal corso per i più piccoli dai 4 ai 5 anni, dove si sperimentano le proprie competenze motorie e creative. Dai 6 ai 9 anni si acquisiscono tutte le tecniche di base del circo e i numeri classici, mentre dai 10 anni ai 13 si approfondiscono le tecniche e si affrontano difficoltà espressive e creative più importanti in modo da rendere i ragazzi sempre più consapevoli delle loro capacità artistiche.

Storia del piccolo circo (Arti Circensi per bambini):

Il primo circo per bambini fu fondato negli anni ’20 da padre Flannagan in Nebraska (USA) che lavorava con bambini di strada. Elementi di recitazione e di gioco, affiancati alle Arti Circensi, moltiplicavano le possibilità di crescita dei ragazzi, lasciando qualcosa che li accompagnava per tutta la vita, in termini anche di confidenza con se stessi, con il pubblico, con il prossimo. Negli ultimi 35 anni anche in Europa si è sviluppata una cultura di Arti Circensi per bambini e ragazzi, dando vita a numerosi progetti.

Joseph Marmsoler e Sigrid Federspiel sono stati in Italia i pionieri di questo movimento, dando il via più di 20 anni fa ai primi progetti nelle scuole altoatesine, mentre contemporaneamente, Camilla Pelusio fondava a Milano la Piccola scuola di circo.

Le loro esperienze sono state negli anni messe a disposizione di altri operatori, che hanno poi promosso questa attività nelle loro città.

Tutto ciò sempre nel rispetto dei tempi di bambini e ragazzi.